Filler per riempimento rughe, rimodellamento viso, labbra e corpo

Vota questo articolo
(1 Vota)

filler-viso


In medicina estetica i filler sono materiali che vengono iniettati nel derma o nel tessuto sottocutaneo allo scopo di riempire una depressione o di aumentare i volumi.

Capostipite dei filler riassorbibili, l'acido ialuronico è una sostanza largamente utilizzata nell'ambito della medicina estetica, soprattutto per:

  • il trattamento di rughe sottili, rughe profonde, depressioni, cicatrici del volto;
  • la definizione e l'aumento volumetrico degli zigomi, delle labbra, del mento, della mandibola, del naso, ecc.
I fillers si presentano sottoforma di gel visco-elastico o idrogel: sono materiali riempitivi e restituiscono alla pelle un aspetto disteso. Essi vengono iniettati con ago finissimo, appena sotto la superficie cutanea o più in profondità.

Il prodotto utilizzato può avere origine e natura diversa; esistono infatti:
  • fillers riassorbibili: sostanze naturali che si riassorbono in 4-8 mesi
  • fillers permanenti: permangono nella pelle ed il loro uso è molto limitato

Il nostro centro consiglia ed utilizza quasi esclusivamente filler riassorbibili, prevalentemente acido ialuronico e collagene no-test di ultima generazione.

La scelta dei filler da usare si basa su numerose ricerche scientifiche pubblicate riguardanti la qualità dei prodotti e la sicurezza. Sottoporsi ad un trattamento con filler non è traumatico come un intervento di chirurgia estetica. La procedura è semplice e rapida ma necessita di molta esperienza da parte del dermatologo: un'applicazione può durare meno di 30 minuti. Solitamente il trattamento permette di non interrompere le proprie attività quotidiane.

Acido ialuronico

Un passo indietro per capire: che cos'è l'acido ialuronico?

L'acido ialuronico è un componente della cosiddetta sostanza fondamentale del derma: si tratta di un glicosaminoglicano, ovvero una molecola formata da lunghe catene non ramificate di unità disaccaridiche (alternanza di acido glicuronico ed N-acetilglucosamina). Legandosi a moltissime molecole d'acqua, l'acido ialuronico conferisce idratazione, elasticità e morbidezza ai tessuti, proteggendoli nel contempo da sollecitazioni eccessive.

La concentrazione di acido ialuronico nel tessuto connettivo della pelle si riduce gradualmente man mano che l'età avanza: per questa ragione, una pelle matura appare meno elastica e meno idratata rispetto alle pelli giovani. Pur essendo un fenomeno del tutto fisiologico e naturale, molte donne desiderano contrastare l'inesorabile avanzamento dell'età, dunque prevenire rughe ed altri inestetismi della pelle. L'obiettivo è risultare (almeno in apparenza) molto più giovani... e nulla meglio del filler all'acido ialuronico sembra poter soddisfare questo desiderio.

 






 

Indicazioni del filler

Il filler all'acido ialuronico sembra la soluzione ideale per correggere (e migliorare) piccoli inestetismi della pelle del viso, generati da quel processo evolutivo irreversibile che tanto preoccupa ed angoscia molte donne non più giovanissime. 
Il filler all'acido ialuronico trova indicazione nelle seguenti circostanze:

  1. Plasmare rughe d'espressione, zampe di gallina, rughe glabellari (che originano nella fronte, precisamente nella porzione immediatamente sovrastante il naso)
  2. Colmare piccole lesioni cicatriziali (es. cicatrici lasciate dall'acne)
  3. Inturgidire labbra sottili e prive di volume
  4. Volumizzare zigomi cadenti (in tal caso, il filler dev'essere preparato con una concentrazione più elevata di acido ialuronico)
  5. Rimodellamento del profilo del volto
  6. Correzione di esiti cicatriziali post-traumatici/chirurgici

Oltre a poter essere iniettato nel viso, il filler all'acido ialuronico può essere utilizzato anche per il riempimento di altre zone del corpo: a tale scopo, le iniezioni di questa "prodigiosa" sostanza vengono eseguite per migliorare l'aspetto e volumizzare polpacci, senoglutei.


Come si svolge una seduta?

L'iniezione del prodotto richiede pochi minuti. Alcune pazienti avvertono una lieve dolorabilità durante il trattamento, ma questa termina con la fine dell'applicazione e, comunque, può essere eliminata grazie all'applicazione di una pomata anestetica.
Al termine della seduta la zona potrà apparire un po' arrossata, comparire un lieve gonfiore o un piccolo livido che comunque scomparirà in un tempo estremamente ridotto.

Quanto dura un filler?

La durata del trattamento è personale e dipende da fattori quali struttura e tipo della pelle, stile di vita (il filler dura di meno nei fumatori!!!), età e grado di correzione.
Da statistiche pubblicate possiamo affermare che dopo 6 mesi l'80% delle pazienti è soddisfatta!
In caso di cute con forte grado di invecchiamento, soprattutto da esposizione solare, è utile preparare la pelle al filler facendolo precedere da sedute di biostimolazione e peeling: in questo modo siamo sicuri di ottenere una maggiore durata dell'impianto.


Il prima e dopo




 

Letto 3986 volte Ultima modifica il Martedì, 16 Febbraio 2016 20:31

Lascia un commento