Terapia sclerosante

Vota questo articolo
(0 Voti)

terapia-sclerosante


I PRINCIPALI INESTETISMI VASCOLARI DEGLI ARTI INFERIORI   


Le dilatazioni vascolari degli arti inferiori (teleangectasie, venulectasie, vasi reticolari e varici venose) costituiscono un problema estremamente comune, che interessa il 29-41% delle donne e il 6-15% degli uomini.

Quando vi è un interessamento evidente o sospetto di un tronco venoso maggiore, se vi è una sospetta predisposizione, è appropriato stabilire con certezza le condizioni della circolazione sanguigna nel sistema venoso superficiale e profondo dell’arto inferiore, sia con valutazione clinica, sia con l’esecuzione di esami strumentali (doppler, eco-color-doppler, pletismografia).

Nei pazienti in cui è accertata la normalità nella circolazione venosa nei grossi tronchi venosi superficiali e profondi e con apparati valvolari funzionanti è corretto procedere al trattamento delle dilatazioni vascolari più piccole (teleangectasie, venulectasie e vasi reticolari). In caso di accertata insufficienza venosa è indicato prima correggere i grossi difetti, nella maggior parte dei casi ricorrendo alle competenze del chirurgo vascolare. In seguito sarà possibile intervenire con migliori prospettive di successo anche sui problemi vascolari degli arti inferiori di interesse estetico.



I PRINCIPALI TRATTAMENTI: LA MODERNA TERAPIA SCLEROSANTE E LASER VASCOLARE

I trattamenti disponibili comprendono principalmente la moderna ed aggiornata terapia sclerosante, tecnica standardizzata da parecchi decenni, che ha raggiunto progressivamente un elevato profilo di sicurezza ed un eccellente rapporto costo/benefici.

La terapia sclerosante riproduce di fatto un meccanismo naturale di chiusura dei vasi sanguigni, che viene indotto in modo minimamente invasivo e quasi indolore (sono utilizzati aghi sottilissimi), senza richiedere l’interruzione delle proprie occupazioni quotidiane, fatte salve alcune piccole rinunce e raccomandazioni.

La terapia sclerosante si effettuata pianificando una serie di (5-7) sedute relativamente regolari, diluite poi in tempi più lunghi, fino al raggiungimento del risultato, ovvero la progressiva attenuazione significativa o la scomparsa della maggiore parte dei vasi dilatati trattati.


In alcune specifiche condizioni (alcune sedi anatomiche, alcuni tipi di inestetismo vascolare, scarsa tolleranza alla terapia sclerosante o agli aghi) infine, i laser vascolari costituiscono soluzione di prima scelta rispetto alla terapia sclerosante.

 

Letto 1680 volte Ultima modifica il Venerdì, 17 Luglio 2015 15:13
Altro in questa categoria: Laser vascolare »

Lascia un commento